alg

Il Re muto, anagramma di tumore, è un racconto fotografico sul silenzio che non si rivela attraverso i consueti canoni, ma che mette in attesa, sospende un significato previsto, quello visivo del movimento della vita di un ospedale, per rivelare un silenzio sconosciuto ed un immobilismo. Un’assenza di suono-rumore quasi totale, che dapprima lascia spazio a uno smarrimento comune, a un silenzio immobile, per poi stemperarsi e lasciare che le reazioni più disperate prendano coraggio. Uno spazio in cui il silenzio, ovvero l’accettazione dei suoni esistenti, diventa la musica e ci costringe all’immaginazione della vita che scorre del reparto.

Le fotografie si animano e ci raccontano la vita del Coes, Centro Oncologico ed Ematologico Subalpino di Torino, dove è stato svolto il lavoro.


The “Re Muto” (Silent King in English), an anagram of “tumore” (tumor in English), is a photographic narration about silence that is not revealed through the usual canons, but that puts on hold, suspends an expected meaning. The visual meaning of the life movement of a hospital reveals an unknown silence and immobility. An almost total absence of sound-noise, which at first gives way to a common loss, brings the spectator to a still silence, then to melt and let the most desperate reactions take courage. A space in which silence, the acceptance of existing sounds, becomes music and forces us to the imagination of the life that flows from the ward.

The photographs come alive and tell us about the life of COES, the Subalpine Oncological and Hematological Center in Turin, where this work had been produced.


Il Re muto

installation | archival print/Hahnemuhle Paper/ Photo Rag Matt | photographies variable size | postcards | edition of 3 + 3 set box | 2017/2018

© all rights reserved | 2018 | Antonio La Grotta

(placeholder)